ancora una cosa sulla Val Gardena

un commento

Il patrimonio immateriale, a dispetto della sua denominazione così imponente – patrimonio immateriale dell’umanità – è piccolo. Questa è la prima cosa che mi ha colpito durante l’esperienza in Val Gardena.
Piccolo perché mutevole, sfuggente, afferrabile solo in brevi fotogrammi che ne riproducono una visione parziale e soggettiva.
Piccolo perché, quando non diventa folklore, è custodito nelle storie di vita, nei ricordi, nell’intimità delle case. O nei tinelli, come la tradizione carnevalesca del “ruba la pentola”, che ci è stata raccontata a Selva di Val Gardena. Un banale scherzo, una pentola di minestra rubata con la complicità di tutti (si, anche di quelli a cui veniva rubata…), ma importante perchè riporta alla mente storie d’amore giovanili, amicizie, risate. Un passato ormai passato, che proprio per questo acquista un’aura di magia e di sentimentalismo.
Da tempo ormai antropologi, narratori, documentaristi, come dei coraggiosi Don Chisciotte, cercano di impossessarsi dell’immenso patrimonio immateriale – troppo immenso per essere acchiappato – , e di fissarlo una volta per tutte nella storia perché non vada perduto. Equivale a dire, perché non se ne perda il ricordo. Già, nelle società non più orali, ciò che non è scritto, che non è visibile e tangibile, non c’è.
Ma il patrimonio immateriale non è custodito solo nei ricordi. E’ sì nel bagaglio di saperi e conoscenze, nelle feste tradizionali, nelle ritualità, ma è anche nella nostra quotidianità, nelle piccole cose di pessimo gusto, come direbbe Guido Gozzano, e perfino nelle barzellette.

VIDEO

Sempre in Val Gardena, abbiamo assistito a una sfilata di carnevale. Una qualunque sfilata con i bambini travestiti, come ne abbiamo viste mille. Nulla di esotico né di affascinante. Di primo acchito veniva da chiedersi: cosa c’entra questo?
C’entra eccome. Siamo abituati a pensare al patrimonio immateriale come a qualcosa che non c’è più, che rischia di andare perduto, o a qualcosa di estraneo rispetto alle nostre abitudini. Ma anche la nostra attualità è ricca di patrimoni immateriali, che, come sempre succede, raccontano molto della nostra società. Solo è difficile vederli, perché ci siamo dentro.
Alla sfilata c’erano bambini vestiti da Comandate Schettino, a ricordarci la tragedia della Concordia e la linea sottile che esiste tra il dramma e l’ironia. Altri vestiti da indiani con il flauto e il serpente che esce dal cesto, a dirci che la favola di Ali Babà e i 40 ladroni è ancora attuale, e che il fascino per l’esotico, anche nel mondo globale, è tuttora vivo. I genitori a guardare e fotografare i loro bambini travestiti, poi, lasciavano immaginare i preparativi tra le mura domestiche, e testimoniavano il rapporto generazionale nella nostra cultura; ben diverso da quello delle società cosiddette primitive in cui, il primo evento collettivo a cui i più piccoli sono chiamati a partecipare come protagonisti, è il rito di iniziazione, vale a dire quando smettono di essere “piccoli” ed entrano ufficialmente nel mondo dei “grandi”.
Anche questo è patrimonio immateriale, degno di essere raccontato e, così, reso immortale.
E allora, la parola agli scrittori, che con i loro occhi e le loro penne ci racconteranno dei frammenti di vite alpine.

Chiara Piaggio

Written by echiadm

May 29th, 2012 at 9:12 am

Posted in Viaggio

One Response to 'ancora una cosa sulla Val Gardena'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'ancora una cosa sulla Val Gardena'.

  1. quando gli eventi?

    echiadm

    29 Jun 12 at 1:32 pm

Lascia un commento